Indietro

Scones integrali con uvetta

Scones integrali con uvetta


Sono morbidi morbidi, hanno una consistenza leggermente umida all'interno e una crosticina croccante sopra. Non sono particolarmente dolci perché cerco di limitare lo zucchero, ma compensa la presenza dell'uvetta (potete anche abbondare se vi piace o sostituire con pezzettini di altra frutta secca). Se avete pazienza potete dargli la forma leggermente cilindrica dei veri scones scozzesi (che abbondano in burro, neanche a dirlo!). Io per velocità ho fatto semplici cucchiaiate di impasto che prendevano la forma che volevano, così sono tutti un po' "sbilenchi".

INGREDIENTI:
  • Farina integrale, 250 gr
  • Farina di farro (o altra farina integrale), 50 gr
  • Fiocchi d'avena, 25 gr
  • Uvetta, 40 gr
  • Zucchero di canna integrale, 40 gr
  • Olio di girasole, 40 ml
  • Succo di mela (o latte vegetale), 150 ml
  • Lievito, mezza bustina
  • Bicarbonato, 1 cucchiaino
DIFFICOLTA'
Facile *
TEMPO DI PREPARAZIONE
TIPOLOGIA
Dolci

PREPARAZIONE:

In una ciotola versate le farine, lo zucchero, i fiocchi, l'uvetta, il lievito e il bicarbonato e mescolate bene.
Aggiungete lentamente un po' di succo di mela (circa la metà), poi l'olio di girasole e mescolate ancora, piano piano aggiungete anche il restante succo di mela, nella quantità necessaria a ottenere un impasto morbido e un po' appiccicoso, ma gestibile smiley
 
Accendete il forno a 180 gradi. Stendete un foglio di carta da forno sulla teglia e con le mani umide fate delle pallotte di impasto e poi schiacciatele leggermente (come fare delle polpette, insomma). Oppure andate di cucchiaiate come ho fatto io.
 
Infornate per circa 15 minuti (comunque controllate quando diventano dorate sopra e sotto).
 
 
Cosa leggiamo?
 
I miei dolcetti sbilenchi richiedono un libro tutto da ridere e quindi eccone uno, Hai un uccellino sulla testa!,  della serie Reginald e Tina: una strana coppia formata da un elefante timido, ansioso e pure un po' secchione (Reginald) e una maialina estroversa e pazzerella, Tina. In questo libro (ma ce ne sono molti altri, tutti divertenti) un uccellino decide di fare il nido proprio sulla testa del povero Reginald che, a modo suo, si dispera. Dopo lunghe trattative Reginald convincerà gli uccellini a traslocare e indovinate dove decideranno di andare? 
 
Hai un uccellino sulla testa, di Mo Williems (Edizioni Il Castoro)
 
 
di Chiara Dondi


Nessun commento. Vuoi essere il primo.