Informativa
Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa, interagendo con un link o un pulsante al di fuori di questa informativa o continuando a navigare in altro modo.
Indietro

Pane cafone con pasta madre

Pane cafone con pasta madre



Da anni "Donata" vive nel mio frigorifero. Me l'ha donata un amico che si chiama, naturalmente, Donato, che a sua volta l'ha ricevuta in regalo da Antonella: perché la pasta madre si regala, si "tramanda" di mano in mano. Da quella volta, appena posso, passo le domeniche a cimentarmi con il pane, la pizza, le brioches... è un mondo nuovo, anche impegnativo (la pasta madre va rinfrescata ogni settimana) e richiede una lunga lievitazione, ma anche rilassante. Naturalmente la mia insegnante (virtuale) è proprio Antonella Scialdone, la "guru della pasta madre", blogger e autrice di libri sul tema. Allora ecco qui per voi la sua ricetta del pane cafone.

INGREDIENTI:
  • Farina manitoba, 80 gr
  • Farina di frumento tipo "0", 420 gr
  • Acqua, 420 gr
  • Pasta madre rinfrescata, 200 gr
  • Malto d'orzo, 7 gr
  • Sale, 14 gr
DIFFICOLTA'
Elaborata ***
TEMPO DI PREPARAZIONE
> 1 ora
TIPOLOGIA
 


PREPARAZIONE:

Mettete la pasta madre in una terrina capiente, aggiungete l'acqua tiepida e, con una forchetta o con la mano, sciogliete bene il lievito finché sia tutto liquido.
 
Aggiungete il malto, la farina, il sale e  mescolate. Passate sulla spianatoia infarinata e lavorate energicamente l'impasto per 10-15 minuti finché risulti liscio ed omogeneo.
 

Formate una palla, copritela con pellicola trasparente e lasciatela lievitare per 2 ore lontano da correnti d'aria, dopodiché sgonfiate l'impasto in modo da ottenere un rettangolo e procedete con la prima serie di pieghe (piegando il rettangolo sui due lati, verso l'interno, prima i due lati corti poi quelli lunghi, o viceversa), lasciate riposare per 1 ora, quindi procedete con una seconda serie di pieghe, coprite con pellicola trasparente e lasciate riposare per un'altra ora.

Prendete l'impasto e dategli la forma di pagnotta arrotondandolo con le mani, coprite e lasciate riposare per mezz'ora, procedete un'altra volta con l'arrotondamento e mettete la pagnotta a lievitare in un cestino di vimini tondo rivestito con un canovaccio infarinato con la chiusura rivolta verso l'alto. Coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare per 2-3 ore e comunque fino a quando raddoppia.
 
Trascorso il tempo di lievitazione, capovolgete la pagnotta su una teglia rivestita di carta da forno, o su una pala infarinata se si usa la pietra refrattaria, e infornate. Cuocete con il vapore (mettendo un recipiente con dell’acqua in forno, nella fase di riscaldamento), in forno preriscaldato a 240°C per i primi 10 minuti, poi abbassate il forno a 200°C e continuate la cottura per altri 30 minuti.
 
Spegnete e lasciate in forno per altri 10 minuti con lo sportello semiaperto. Sfornate e lasciate raffreddare su una griglia.
 
 
Questo è il bellissimo blog di Antonella: Pappa Reale 
Dentro trovate anche tutte le informazioni sui suoi libri, a partire da La pasta madre.
 
pasta madre, pane, cafone, antonella scialdone, lievito madre, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Media (0 Voti)


Nessun commento. Vuoi essere il primo.