Indietro

Taralli pugliesi

Taralli pugliesi


I taralli sono una specialità tipica della Puglia, fatti di pochi e semplici ingredienti. Sono un ottimo "spezza-fame" e io ne mangerei continuamente... realizzarli è semplice, e la ricetta che vi propongo mi ha lasciata davvero soddisfatta. A essere sincera, un risultato che non ha niente da invidiare a molti di quelli che ho mangiato in tutta la mia vita (e sono tanti!).

INGREDIENTI:
  • Farina bianca, 500 gr
  • Vino bianco fermo, 200 ml
  • Olio extra vergine di oliva, 130 ml
  • Sale, 2 cucchiaini
  • Semi di finocchio, q.b.
  • Pepe, q.b.
DIFFICOLTA'
Facile *
TEMPO DI PREPARAZIONE
> 1 ora
TIPOLOGIA
Contorni
DOSI:
Per 4 persone
 


PREPARAZIONE:

In una ciotola mescolate la farina con il sale e l'olio, quindi versate il vino e impastate fino a ottenere un panetto omogeneo ed elastico.

Dividetelo in tre parti: in una di queste aggiungete un po' di pepe, in un'altra un po' di semi di finocchio (senza esagerare) e impastate in modo che gli ingredienti si amalgamino bene. Se vi piace potete aromatizzarli anche con peperoncino, cipolla disidratata...

Mettete i tre panetti a riposare su un ripiano coperti da un canovaccio, per mezz'ora circa.

Mettete dell'acqua sul fuoco e intanto preparate i taralli: staccate dall'impasto dei pezzetti con cui creare dei bastoncini abbastanza sottili (1 cm circa) e tagliateli della lunghezza di circa 7-8 cm l'uno (in base alla grandezza che volete dare ai vostri taralli). Chiudeteli intorno all'indice facendo combaciare le due estremità e schiacciandole un po', in modo che i taralli non si aprano in fase di cottura. 

Quando l'acqua bolle versateli nella pentola (a gruppi di 10-15) e una volta che risalgono in superficie scolateli e posateli su un canovaccio asciutto.

Fateli asciugare per mezz'ora circa e infornateli a 200° per 30 minuti o comunque finché non saranno dorati in superficie.

Spegnete il forno e lasciateli dentro per un po' con lo sportello semiaperto, in modo che finiscano di asciugarsi.

A questo punto sono pronti da sgranocchiare all'infinito...

 

puglia, taralli, pugliesi, semi finocchio, pepe, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Pane cafone con pasta madre

Da anni "Donata" vive nel mio frigorifero. Me l'ha donata un amico che si chiama, naturalmente, Donato, che a sua volta l'ha ricevuta in regalo da Antonella: perché la pasta madre si regala, si "tramanda" di mano in mano. Da quella volta, appena posso, passo le domeniche a cimentarmi con il pane, la pizza, le brioches...

Media (0 Voti)


Nessun commento. Vuoi essere il primo.