Disclosure
We and some selected partners use cookies or similar technologies as specified in the cookie policy. You can consent to the use of these technologies by closing this information, interacting with a link or button outside this information or continuing to browse in any other way.

Fragole e cioccolato fondente

Fragole e cioccolato fondente



Le fragole con il cioccolato sono una combinazione di sapori strepitosa, oltre che un dessert vegano e primaverile velocissimo da preparare, per pause golose o in caso di ospiti inattesi! Eccovi la mricetta, semplice semplice.

Ingredients:
  • Fragole, 4 hg (14-15 fragole di media grandezza)
  • Cioccolato fondente, 200 gr
Difficulty
Facile *
Preparation time
10-20 minuti
Typology
Dolci
DOSI:
Per 3 persone
 


Preparation:

Mentre il cioccolato si scioglie a bagnomaria lavate le fragole in acqua fredda (se tenete all'aspetto estetico non eliminate i loro bei ciuffetti verdi).

Quando il cioccolato si sarà sciolto mescolatelo bene e immergetvi le fragole una ad una (dopo averle asciugate bene).

Posatele su un piatto ricoperto di carta da forno e mettetele in frigo per un'oretta.

Consiglio di tenerle una decina di minuti fuori dal frigo prima di servirle, per gustare al massimo il loro sapore.

cioccolato, vegan, fragole, dessert, primavera, ricette



Average (0 Votes)


Add Comment
Sonya L.
Strepitosamente buono emoticon Love it!
Posted on 4/10/15 12:34 PM.

Torta di mele

Torta di mele



La torta di mele è uno dei dolci più diffusi e amati in tutto il mondo. Non per niente è il cavallo di battaglia di Nonna Papera, di cui tutti sono ghiotti, in primis il pronipote Ciccio. Un dolce soffice, delicato, veloce da preparare. Ecco la mia ricetta, con pochi e semplici ingredienti.

Ingredients:
  • Mele di media grandezza, 3-4
  • Farina 00, 300 gr
  • Fecola di patate, 2 cucchiai
  • Zucchero di canna, 150 gr
  • Lievito per dolci, 16 gr
  • Bevanda di avena (o altra vegetale), 250 gr
  • Olio di semi di mais, 50 gr
  • Limone dalla buccia edibile, 1
  • Cannella, 1/2 cucchiaio
  • Zucchero a velo, q.b.
  • Sale, q.b.
Difficulty
Facile *
Preparation time
40-50 minuti
Typology
Dolci
 


Preparation:

Lavate le mele, sbucciatele e tagliatele a dadini, qundi mettetele in una ciotola con il succo del limone, che eviterà che si anneriscano.

In un altro recipiente setacciate la farina e unite lo zucchero, il lievito, la cannella, la bucia grattugiata del limone (dopo averlo lavato), un pizzico di sale e mescolate.

A parte mescolate l'olio di semi di mais con la bevanda vegetale (io preferisco l'avena ma si può usare anche quella di mandorla, o di soia, o di riso).

Unite la parte liquida a quela solida mescolando con un frustino, aggiungete le mele e mescolate ancora. Quindi versate il composto in una tortiera.

Infornate a 180° per circa 45 minuti (per sapere quando la torta è pronta potete fare la classica prova dello stuzzicadenti).

Sfornate e lasciate raffreddare, quindi spolverate con zucchero a velo.

Buona merenda!

torta, mele, apple pie, torta di mele, torta della nonna, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Strozzapreti con pomodori e porcini

Strozzapreti con pomodori e porcini



Dalla Romagna con amore. Gli strozzapreti, anche detti strangolapreti, sono una pasta tipica della tradizione culinaria romagnola. Un nome curioso che, secondo la tradizione, nasce nel periodo della dominazione dello Stato Pontificio in Emilia-Romagna, quando le "azdore" (massaie) si videro costrette a realizzare la pasta con acqua e farina, visto che i preti sequestravano tutte le uova. Secondo un'altra versione le donne romagnole preparavano questa pasta per offrirla al prete del paese, mentre i mariti, anticlericali, gli auguravano di strozzarcisi. Come condimento vi propongo pomodori e porcini, un connubio squisito che la pasta esalta, grazie alla sua forma avvolgente.

Ingredients:
  • Per l'impasto:
  • Semola rimacinata di grano duro, 250 gr
  • Acqua tiepida, 130 gr
  • Per il condimento:
  • Porcini, 150 gr
  • Pomodorini, una dozzina
  • Aglio, 2 spicchi
  • Vino bianco, mezzo bicchiere
  • Rosmarino, un rametto
  • Peperoncino, a piacimento
  • Olio evo, q.b.
  • Sale, q.b.
Difficulty
Media **
Preparation time
> 1 ora
Typology
Primi
DOSI:
Per 2 persone
 


Preparation:

Disponete la farina a fontana su un piano di lavoro, unite il sale e versate l'acqua tiepida al centro. 
Lavorate il composto finché l'impasto non diventa liscio e compatto.
Quindi mettetelo a riposare mezz'ora, avvolto in una pellicola.
 
Nel frattempo, preparate il sugo: fate soffriggere l'aglio e il peperoncino, aggiungete i porcini e lasciate cuocere qualche minuto a fuoco alto finchè non si è asciugata l'acqua, aggiungendo il vino bianco e alzando la fiamma qualche secondo, in modo che evapori. Quindi salata i porcini, versate i pomodorini e lasciateli cuocere qualche minuto. Salate, mescolate e immergete nel sugo il rametto di rosmarino, e lasciate riposare. 
 
Prendete l'impasto e stendetelo con un mattarello, mantenendo uno spessore della sfoglia di un paio di millimetri. Tagliate a creando delle strisce dello spessore di circa 2 cm.
 
 
 
Prendete le listarelle e arrotolatele  con il palmo della mano. Poi schiacciate il "filo" ottenuto con il palmo della mano, spezzandolo ogni 4 cm. 
 
Fate bollire in abbondante acqua salata per qualche minuto, finché gli strozzapreti non salgono a galla.
 
Scolateli e versateli nella padella contenente il sugo, mescolando qualche secondo a fuoco basso e aggiungendo un filo d'olio.
 
Buon Appetito e buon pro vi faccia, come diceva mia nonna!
 
 
 
 
porcini, strozzapreti, pasta fatta in casa, ricette romagnole, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

20180318_124221.jpg

20180318_124221.jpg (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Eleonora Rigato, 9/23/20 1:02 PM
Average (0 Votes)

Version 1.0

Last Updated by Eleonora Rigato
9/23/20 1:02 PM
Status: Approved
Download (94k) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 2 Months Ago 94k
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Spaghetti di zucchine

Spaghetti di zucchine



Gli spaghetti di zucchine, o zoodles, sono un piatto leggero, fresco e saporito, che si prepara in pochi minuti. Non richiedono cottura, ma serve un piccolo attrezzo, lo spiralizzatore (che potete trovare, a poco prezzo, nei negozi di articoli per la casa oppure online) per realizzarli. Si possono mangiare crudi o cotti, conditi con verdure, pesto di basilico, o solo un filo d'olio e magari un pizzico di menta. Io li ho scoperti quest'estate in un ristorante in Toscana, dove mi sono stati serviti saltati con deliziosi pomodorini e olive nere. E ve li propongo proprio così.

Ingredients:
  • Zucchine medie, 3
  • Pomodori datterini, 150 gr
  • Olive taggiasche, una manciata
  • Basilico, 4 foglie
  • Aglio, 1 spicchio
  • Olio, sale, pepe, q.b.
  • Peperoncino, a piacimento
Difficulty
Facile *
Preparation time
20-30 minuti
Typology
Primi
DOSI:
Per 2 persone
 


Preparation:

Lavate e asciugate le zucchine, quindi tagliatele con lo spiralizzatore in modo da formare degli spaghetti che riporrete in un piatto.

In una padella antiaderente versate un filo d'olio e fate rosolare l'aglio e il peperoncino.

Una volta che l'olio sarà dorato aggiungete i pomodorini dopo averli tagliati in piccoli pezzi, le olive e due foglie di basilico, salate e pepate e lasciate cuocere qualche minuto a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto.

Quando i pomodorini si saranno un po' "lasciati andare" e amalgamati con le olive, aggiungete gli spaghetti di zucchine e saltateli per un paio di minuti massimo.

Impiattate aggiungendo una foglia di basilico fresco e un filo d'olio.

Buon Appetito e "buon pro vi faccia", come diceva mia nonna!

 

ricetta, olive, spaghetti, zucchine, spaghetti di zucchine, pomodorini, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

cookie policy

Cookie Policy of www.escursionista.org

This document contains information about the technologies that allow www.escursionista.org to achieve the purposes described below. These technologies allow the Owner to collect and save information (for example through the use of Cookies) or to use resources (for example by running a script) on the User's device when the latter interacts with www.escursionista.org.
For the sake of simplicity, these technologies are summarized in this document as "Tracking Tools", unless there is reason to differentiate.
For example, although Cookies can be used in both web and mobile browsers, it would be out of place to speak of Cookies in the context of applications for mobile devices, since they are Tracking Tools that require the presence of a browser.


For this reason, within this document the term Cookie is used only to specifically indicate that particular type of Tracking Tool. Some of the purposes for which Tracking Tools are used may also require the User's consent.
Duration and expiration of Cookies and other similar Tracking Tools may vary depending on what is set by the Owner or by each third party provider. Some of them expire at the end of the User's browsing session. In addition to what is specified in the description of each of the categories listed below, Users can obtain more detailed and updated information on the duration, as well as any other relevant information - such as the presence of other Tracking Tools - in the privacy policies of their respective third party suppliers. (through the links made available) or by contacting the Owner. For more information about Californian consumers and their privacy rights, Users can consult the privacy policy.

Experience improvement
www.escursionista.org uses Tracking tools to provide a personalized user experience, allowing better management of personal settings and interaction with external networks and platforms, our partner:

 

  •  
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Privacy policy

Disclosure
We and some selected partners use cookies or similar technologies as specified in the cookie policy. You can consent to the use of these technologies by closing this information, interacting with a link or button outside this information or continuing to browse in any other way.
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

header ecommerce

RebelVeg shopping
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

ecommerce-solutions-intro-img-1170x620.jpg

ecommerce-solutions-intro-img-1170x620.jpg (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Lalla, 5/6/20 6:50 PM
Average (0 Votes)

Version 1.0

Last Updated by Marco Lalla
5/6/20 6:50 PM
Status: Approved
Download (82k) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 6 Months Ago 82k
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

ecommerce

Average (0 Votes)

Footer e-commerce

RebelVeg 2020 ©

Via vegani 12

Monte dei vegani (BO)

Italy

Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

favicon.ico

favicon.ico (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Lalla, 5/5/20 1:50 PM
Average (0 Votes)

Version 1.0

Last Updated by Marco Lalla
5/5/20 1:50 PM
Status: Approved
Download (15k) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 6 Months Ago 15k
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Brioche ripiene

Brioche ripiene



Le brioche ripiene sono un dolce perfetto per la colazione. Si possono farcire con marmellata oppure crema di nocciola, o di cacao. La preparazione non è molto impegnativa, l'importante è farle lievitare a lungo, magari tutta la notte. Per poi infornarle il mattino presto e gustarle ancora tiepide e fragranti. Ecco la mia ricetta vegana. O meglio, volendo essere onesti, le ha fatte il mio compagno.

Ingredients:
  • Farina tipo 0, 250 gr
  • Zucchero di canna, 70 gr
  • Malto, 1 cucchiaino
  • Olio di semi di mais, 30 gr
  • Lievito di birra fresco, Mezzo cubetto
  • Acqua, 120 gr
  • Vanillina, 1 bustina
  • Buccia di Limone o Arancia, 1
  • Marmellata o crema di nocciola, a piacere
  • Sale, 1 pizzico
  • Zucchero a velo, a piacere
Difficulty
Media **
Preparation time
> 1 ora
Typology
Dolci
DOSI:
Per 15 brioche
 


Preparation:

Disponete la faria a fontana su una spianatoia.

Al centro metette tutti gli ingredienti (a parte marmellata e zucchero a velo), quindi impastate, fino a ottenere un panetto morbido.

Fate lievitare almeno due ore l'impasto protetto da un panno e al riparo da correnti d'aria.

Stendete la pasta con il mattarello in modo che abbia una forma rotonda e uno spessore di circa 3 millimetri. 

Con il coltello tagliate dei triangoli isosceli, partendo dal centro, in cui l'altezza è lunga circa tre volte la base.

Adagiate sul triangolo, a circa due centimetri dalla base, un cucchiaino di marmellata o del ripieno che preferite.

Arrotolate la pasta su se stessa partendo dalla base ed ecco pronta la prima brioche.

Una volta riposte tutte le brioche su una teglia coperta da carta da forno, lasciatele lievitare coperte d aun panno tutta la notte. 

 

 

Svegliatevi di buon'ora per infornare le vostre brioche a 180° per 20-25 minuti, dopo averle spennellate con acqua e aver versato sopra qualche granello di zucchero. 

Una volta sfornate, potete cospargerle di zucchero a velo.

Et voilà, les brioches sont fait :)

 

 

marmellata, colazione, brioche, cornetti, ricette



Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Brioche 2.jpg

Brioche 2.jpg (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Eleonora Rigato, 4/3/20 5:28 PM
Average (0 Votes)

Version 1.0

Last Updated by Eleonora Rigato
4/3/20 5:28 PM
Status: Approved
Download (162k) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 7 Months Ago 162k
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

20200403_094702.jpg

20200403_094702.jpg (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Eleonora Rigato, 4/3/20 5:19 PM
Average (0 Votes)

Version 1.0

Last Updated by Eleonora Rigato
4/3/20 5:19 PM
Status: Approved
Download (2.8MB) Get URL.
Version History
Version Date Size  
1.0 7 Months Ago 2.8MB
Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Mini burger ai fagioli

Mini burger ai fagioli


Come capirete presto dalla quantità di ricette di questo tipo, la categoria "polpetta/burger/fintacotolettina" va molto a casa mia. Sotto questa forma riesco a far mangiare (e di gusto pure!) cose in altri modi improponibili. E piacciono a tutti, pater familias compreso :) Questi mini burger sono veloci e golosi e io li servo come secondo. Li potete preparare anche in anticipo (anzi meglio, qualche ora in frigo rassoda!) e cuocere poco prima di servirli. Sono buoni anche freddi, il giorno dopo.

Ingredients:
  • , 250 gr
  • Zucchina grande (o altra verdura a piacimento), 1
  • Olio extra vergine di oliva, q.b.
  • Pangrattato, q.b.
  • Succo di mezzo limone
  • Sale, q.b.
  • Sesamo, q.b.
  • Prezzemolo tritato (facoltativo), 1 cucchiaio
  • Tahin (facoltativo), 1 cucchiaio
Difficulty
Facile *
Preparation time
10-20 minuti
Typology
Secondi
 


Preparation:

In un mixer frullate la zucchina cruda riducendola a pezzettini piccoli piccoli, quasi una pasta.
 
Aggiungete i fagioli, un cucchiaio di olio, il succo di limone e, se serve, anche un cucchiaio di acqua.
 
Frullate il tutto fino a ottenere un impasto cremoso ma non liquido. Salate e assaggiate.
 
In una ciotola mescolate insieme la crema di fagioli e la zucchina con il pangrattato (il tahin e il prezzemolo se li mettete) e  aggiungetene quel tanto che basta per rendere l'impasto sodo e lavorabile.
 
Formate delle pallotte e schiacciatele, poi passatele nel pangrattato a cui avrete aggiunto un cucchiaio o due di semi di sesamo.
 
Disponete i mini burger in una pirofila con un po' di olio e cuocete in forno a 150° per 10-15 minuti, finché non sono dorati.
 
 
Cosa leggiamo?
 
Per dei mini burger ci vuole una mini principessa. Ma non una principessa tutta rosa, stile Disney, bensì una piccola guerriera capace di affascinare con la sua storia anche i maschietti più sospettosi nei confronti delle avventure che contengono appunto la parola principessa (ma non sarà da femmine???). "Perché di andare in guerra sono capaci tutti, ma ci vuole un bel coraggio a essere una principessa piccola così!" Ci vuole coraggio ad essere se stessi e ad accettare le sfide che la vita propone usando senza paura ciò di cui siamo dotati, anche se sembrano limiti più che risorse. E' quello che fa Caterina, principessa piccina piccina, ma coraggiosa come un guerriero, anzi di più, che compie il suo viaggio di crescita risolvendo situazioni letteralmente più grandi di lei, senza mai perdersi d'animo.
 
Beatrice Masina -  Octavia Monaco (illustrazioni)
Arka Editore
 
 
di Chiara Dondi


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Torta con farina di mais

Torta con farina di mais



Avevo della farina di mais in scadenza e polenta ne ho già mangiata tanta... così mi sono inventata questa ricetta che credo sia una delle più semplici che abbia fatto: una torta leggera, fragrante, profumatissima, che richiede davvero pochi ingredienti e poco tempo.

Ingredients:
  • Farina di mais, 120 gr
  • Farina 0, 180 gr
  • Lievito vanigliato, 10 gr
  • Limone, 1
  • Zucchero, 80 gr
  • Bevanda di soia, 150 ml
  • Olio di semi di mais, 30 ml
Difficulty
Facile *
Preparation time
10-20 minuti
Typology
Dolci
 


Preparation:

In una ciotola mescolate le due farine e la buccia grattugiata del limone precedentemente lavato (possibilmente biologico).

A parte mescolate lo zucchero, la bevanda di soia, l'olio.

Unite i due composti e mescolate fino a ottenere un impasto cremoso, non liquido.

Versate in una tortiera rivestita di carta di forno o "oliata" e infornate a 180° per circa 30 minuti.

Dopo aver sfornato la torta, lasciatela raffreddare, mettetela su un piatto e cospargete la superficie di zucchero a velo.

Più facile di così!

vegan, torta, dolce, farina, mais, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Trofie al pesto di zucchine, basilico e patate

Trofie al pesto di zucchine, basilico e patate



Una pietanza estiva che rivisita la tradizionale ricetta delle trofie al pesto. Gli ingredienti? Zucchine, patate, basilico, pinoli. Anche in estate abbiamo bisogno ogni tanto di un bel piatto sostanzioso... almeno io!

Ingredients:
  • Trofie, 250 gr
  • Zucchine di media grandezza, 3
  • Patate piccole, 3-4
  • Aglio, 2 spicchi
  • Pinoli, 20 gr
  • Basilico, 150 gr
  • Olio extra vergine di oliva, q.b.
  • Sale, q.b.
Difficulty
Media **
Preparation time
20-30 minuti
Typology
Primi
DOSI:
Per 2 persone
 


Preparation:

Mettete due pentole con dell'acqua sul fuoco, una per le trofie una per le patate.

Lavate le zucchine e le patate. Delle prime prendete solo la parte esterna, lasciando da parte metà zucchina, che taglierete a dadini insieme alle patate, dopo averle sbucciate.

Quando l'acqua bolle aggiungete il sale e versate le patate a dadini in una delle due pentole.

Nel frattempo fate indorare uno spicchio d'aglio tagliato a fettine in una padella con un po' di olio e toglietelo quando imbiondisce, quindi aggiungete le zucchine a dadini e lasciate cuocere per qualche minuto, aggiungendo un pizzico di sale e  mescolando ogni tanto. Una volta lessate le patate, aggiungetele in padella e continuate a mescolare sul fuoco per qualche minuto, quando anche le zucchine sono pronte spegnete.

Versate le trofie nell'acqua e mentre cuociono versate nel mixer la parte esterna delle zucchine, il basilico (tenendone da parte alcune foglie per guarnire il piatto), olio, sale, uno spicchio di aglio tagliato a pezzetti e i pinoli (tenendone da parte qualcuno per guarnire il piatto) e frullate.

Scolate la pasta, aggiungete il pesto e le verdure a pezzetti, mescolate con l'aggiunta di una goccia d'olio e impiattate guarnendo il piatto con le foglie di basilico e i pinoli tenuti da parte. 

zucchine, trofie, pesto, basilico, ricette liguri, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Savoiardi vegan

Savoiardi vegan



Fare i savoiardi vegani non è per niente difficile (io pensavo di sì!|). Basta avere gli ingredienti giusti e un po' di pazienza. Seguendo questa ricetta otterrete dei biscotti morbidi e perfetti per il vostro tiramisù... ovviamente vegano!

Ingredients:
  • Farina tipo 1, 100 gr
  • Amido di mais, 80 gr
  • Zucchero di canna, 100 gr
  • Bevanda di avena, 70 gr
  • Olio di semi di mais, 30 gr
  • Lievito vanigliato, 8-10 gr
  • Limone con buccia edibile, 1
Difficulty
Media **
Preparation time
> 1 ora
Typology
Dolci
DOSI:
Per 4 persone
 


Preparation:

Sciogliete lo zucchero nella bevanda di avena, in un pentolino che avrete messo sul fornello a fuoco medio.

Lasciate raffreddare e aggiungete tutti gli altri ingredienti, mescolando bene fino a ottenere una crema di media consistenza.

Mettete il composto in frigo per almeno mezz'ora.

Presriscaldate il forno a 180 gradi.

Con una sacca a poche (che potete anche crerare voi con carta da forno, ho trovato per voi questo semplice tutorial su Youtube) create i vostri savoiardi disponendoli su una teglia rivestita con carta da forno.

Infornate e dopo circa 15 minuti i vostri savoiardi saranno pronti!

Mi raccomando prima di usarli per il tiramisù lasciateli raffreddare altrimenti si sbricioleranno... sempre se resisterete a non mangiarli subito wink

 

 

ricetta, vegan, tiramisù, savoiardi, savoiardi vegan, ricette



Ti potrebbe interessare anche:


Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.

Pasta con crema di zucchine e semi croccanti

Pasta con crema di zucchine e semi croccanti


A casa l'abbiamo ribattezzata pasta prato, perché è verde (e il verde con un bambino bisogna sempre giustificarlo e, come direbbe Umberto Eco, risemantizzarlo, con nuovi imprevedibili orizzonti di significato), ci sono i semini e le "cacchette", ovvero i ceci interi, ma volete mettere il brivido di mangiare tutti insieme cacchette di capra rosa di montagna? Insomma, risemantizzazioni a parte, è un piatto di pasta delicato e croccante, che si fa in pochi minuti e può essere anche considerato un pasto completo per la presenza di carboidrati, legumi, verdure e semini con la loro bella botta di Omega 3. Naturalmente questa ricetta è adatta ai bimbi più grandicelli, data la presenza di semi.

Ingredients:
  • Pasta integrale di formato grande, 250 gr
  • Zucchine medie, 2
  • Ceci cotti, 150 gr
  • Semi di girasole, 1 cucchiaio
  • Semi di sesamo, 1 cucchiaio
  • Olio extra vergine di oliva, q.b.
  • Sale, q.b.
Difficulty
Facile *
Preparation time
20-30 minuti
Typology
Primi
DOSI:
Per 3 persone
 


Preparation:

Fate cuocere la pasta al dente. Nel frattempo affettate finemente le zucchine e cuocetele in una padella con un po' d'acqua, finché non saranno morbide ma ancora ben verdi (non devono essere cioè stracotte).

Quando sono pronte, frullatele con un filo d'olio e il sale.

Nella stessa padella delle zucchine fate saltare con un po' di crema di zucchine appena frullata i ceci e mescolate legando e insaporendo bene.

In un padellino tostate i semi di sesamo e di girasole finché non diventano dorati (attenzione che si bruciacchiano facilmente!), ci vorranno un paio di minuti.

Ora versate la crema di zucchine e i ceci insaporiti sulla pasta e mescolate bene, con un filo d'olio.

Impiattate e spargete sopra ogni piatto i semi croccanti.

 

Cosa leggiamo?

Premetto: io questa donna la amo. Keri Smith è una immaginifica, delirante, sorprendente... grafica? Autrice? Artista? Sono tante le definizioni che potrebbero andare bene e sarebbero comunque limitanti. Facciamo così, diciamo che Keri Smith libera immagini, parole e idee e realizza dei libri contagiosi, che fanno venire voglia di creare immagini, parole e idee. Questo, Come diventare esploratore del mondo – Museo d'arte di vita tascabile, insieme a Risveglia la città!, mi sono particolarmente cari perché lavorano sulla quotidianità, sulla strada, sulle cose che compongono la vita e aiutano a vederla – quindi a viverla  – in modo creativo, allegro, vitale.

"Dovresti pensare a questo libro come alla tua valigia metaforica. Un posto per raccogliere e documentare le tue scoperte. In che modo osservi il mondo? Questo libro è anche un museo. Un museo tutto tuo che conterrà la tua personale e unica visione della realtà”

In questo libro Keri (l'amore mi rende confidenziale) propone cinquantanove esplorazioni, anzi, missioni segrete, per osservare, disegnare, assemblare, scrivere, raccogliere oggetti. Gli esercizi trasformano anche la più semplice passeggiata in una straordinaria occasione per sperimentare un metodo artistico, cioè trasformativo, capace di dare valore e senso a quel sacchetto di biglie che è la realtà, composta da minuscoli frammenti, spesso così ovvi da essere dimenticati. Non ha età questo libro, perché tutti possono trovare spunti per sperimentare e giocare. Leggetelo (e poi è edito da Corraini, che fa solo libri meravigliosi).

 

Keri Smith
Come diventare un esploratore del mondo 
Edizioni Corraini

 

di Chiara Dondi



Average (0 Votes)


No comments yet. Be the first.